venerdì 8 ottobre 2010

11

La vera pizza napoletana tedesca

Tra i tuoi tanti, deprecabili costumi annoveri da tempo anche quello di voler mangiare a tutti i costi la pizza, in qualunque paese hai la sorte di trovarti. Parti infatti da un profondo disprezzo sia per la teoria secondo cui una buona pizza la mangi solo in Italia, sia per il suo principale postulato ("all'estero la pizza fa sempre cagare"). Perché ti è capitato (una sola volta, ma è capitato) di arricciare il naso davanti una pizza che non era una pizza a Napoli e di provarne invece una cristiana a Tokyo, ma anche perché a un certo punto, in una sera di solitudine a Santa Monica, hai scoperto che la pizza hawaiana alla cannella non sarà vera pizza, ma minchia se è buona. Hai addirittura appurato che a New York le pizze di Sbarro e Pizza Hut sono… no, quelle fanno davvero schifo. Esempio sbagliato. Quel che ti spiace, comunque, è di non aver mai potuto provare, quelle due o tre volte che sei stato in Germania, le meravigliose pizze surgelate del Dr. Oetker. […]
Il Dr. Oetker, nonostante il nome, non è un podologo di Francoforte, ma l'equivalente teutonico della Cameo, facente parte dello stesso gruppo Danone del Concorsone di Ciruzzo Ferrara nostro. Ora, in Italia Cameo ha il buon gusto di infilare nei banchi freezer dei Carrefour e degli Esselunga soprattutto la Pizza Regina (una margherita) e la Pizza Ristorante - quest'ultima in vari gusti, ma tutti abbastanza convenzionali: al prosciutto, al tonno, agli spinaci, al pesto (vabbé), al salame, ai funghi, al peperoncino con verdure. Il massimo della sperimentazione cui si è spinta la linea di pizze surgelate Cameo nel nostro paese è rappresentato dalla Big Americans Supreme (con salame, prosciutto, peperoni, funghi, mais e pomodori) e dalla Big Americans Cheese & Onions (mozzarella, Emmental, Cheddar, pecorino, cipolle rosse, non si sa bene se di Tropea). Ma sul cartone c'è scritto "Big Americans", e allora lo capisci subito che è una di quelle porcherie imbracchiate di roba che possono piacere solo agli yankee e a Fotone.
A Chieti va fortissimo
Ma in Germania, beh in Germania è diverso. Protetta dall'anonimato di quel nome da specialista del trattamento degli alluci valghi, Danone spaccia nei supermercati come pizze surgelate, con aria sospetta e volto coperto da passamontagna, le seguenti specialità:
Die Ofenfrische BOLOGNESE (anche nella versione con paprika)
Il cartone di una Pizza Bolognese, calpestato a morte da un cliente soddisfatto
La Linea "Culinaria"
Il meglio della cucina colesterolica mondiale si stringe in un abbraccio fraterno, in nome dell'amore e della pizza: Pizza Hot Dog Style, Greek Gyros Style,

che sarebbe questa roba qui
Turkish Lahmachun Style, Dutch Ham Style. C'è pure la tipica pizza sudafricana Chakalaka Style.
tanto, a questo punto
Manca in effetti solo la Calabrian Lagana & Ceci Style, ma in compenso c'è la…
PIZZA CALABRESE SALAME (formerly known as pizza "Ciabatone", con una sola T). Da apprezzare quel "nuova" in italiano sulla confezione e la raffinata metatesi quantitativa nel nome).
Linea Casa di Mama (sic)
Oh, finalmente dei prodotti fintoitaliani che non fanno appello ai soliti luoghi comuni sul Bel Paese! Dov'è che avevo lasciato il mio mandolino?


Ah, eccolo qui
Nella cucina della Casa di Mama, subito sotto il putipù e dietro le maschere di Pulcinella e il triccheballacche, troviamo anche, per una qualche ragione, la Pizza Hawaii, noto prodotto tipico tricolore da forno. Pizza Hawaii che sulla scatola è così:
ma quando la inforni viene fuori così:
una fototessera della tristezza
Linea Ristorante Classica
Che con un nome del genere ti aspetti margherite e capricciose, al massimo una quattro stagioni, via, ma invece ci trovi dentro la Pizza Pollo, un'ALTRA Pizza Hawaii e, soprattutto, la

Pizza Pasta
Pizza... Pasta. Una pizza con i vermicelli buttati sopra... Ma che… che diavolo… no, dai. Va bene tutto, però no. No, cazzo.
Ah, leggi sul sito dell'esimio, stimato luminare Dr. Oetker che quest'anno ricorre il 25° anniversario del primo sbarco nei pozzetti dei surgelati tedeschi della Pizza Ristorante. Il giubileo della pizza tarocca.

11 commenti:

  1. mhhh, un acquolina in bocca, di prima mattina... :)

    RispondiElimina
  2. Allora, siccome io con le pizze Ristorante ci sono andato avanti mesi e mesi e mesi, dico la mia.

    Che è: putroppo quelle pizze con quei gusti sono la normalità, le trovi dappertutto, sono un must. Soprattutto il binomio pizzapasta, per qualche motivo, attira molto in Germania. E' una specie di endiade che significa "Italia".

    La pizza col kebab però non l'avevo mai vista prima...

    RispondiElimina
  3. Mentre cercavo le foto per questo post ho trovato un sito svizzero che vendeva le pizze del Dr.Oetker. Sono stato fortemente tentato di ordinarne un po', per provarle. Ma solo per qualche secondo.

    RispondiElimina
  4. Per quel che riguarda Sbarro ti lamenti della pizza perchè non hai provato la pasta! Ricordo l'incoraggiante cartello dentro questo fantastico Sbarro a New York che recitava "Pasta fresca! Cucinata questa mattina!".
    Nonostante ciò i miei impavidi compagni di viaggio l'hanno presa per poi pentirsene pochi secondi dopo.
    Pizza-Hut invece è buono, sulla fantastica pepperoni in crosta di formaggio ci ho lasciato il cuore...sia affettivamente che in senso coronarico probabilmente...

    RispondiElimina
  5. La Pizza Pasta potrebbero anche chiamarla Pizza-Diabete.

    RispondiElimina
  6. Fotone invece ha molto gusto per le pizze: le sue preferite? La pizza al gelato, quella allo Jagermaster e quella agli involtini primavera. Io una volta a Berlino ho mangiato una pizza che sapeva di pecora, ma era una margherita. Tutto sommato niente male.

    RispondiElimina
  7. Misterghiic: Anche Sbarro, con grande onestà intellettuale, ha applicato la metatesi quantitativa al suo nome, invertendone le vocali.

    Vedi anche: http://docmanhattan.blogspot.com/2007/06/manhattans-log-lo-sbirro-e-lo-sbarro.html

    Bender: anche Pizza Vomito farebbe un figurone nella linea Classica di Pizza Ristorante

    Utopìa: io a berlino una volta ho ordinato del pollo, e sul menu c'era scritto Chicken SSASASAVATTELAPESCAZARAVAUZEN. Ma mi hanno portato uno stinco di maiale gigantesco.

    RispondiElimina
  8. Ahahahaha!!! "La metatesi quantitativa nel nome" di Sbarro :D
    La pasta da Sbarro a NY l'ho provata io. Ancora devo digerirla

    RispondiElimina
  9. a me la big america supreme piace un casino!

    RispondiElimina
  10. ayeye, sei proprio un fotone, guarda

    RispondiElimina
  11. Mi hai fatto venire fame...

    ...E con la scusa che son solo in casa, probabilmente ora mi preparerò qualche schifezza unta e rigorosamente coronaro-occludente; morirò subito dopo mangiato e mi avrai sulla coscienza per sempre! :P

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails